La nanocellulosa usata per rimuovere le microplastiche dall’acqua

Un nuovo studio suggerisce un materiale noto come nanocellulosa per rimuovere le microplastiche dall’acqua, evitando che finiscano nei pesci e poi nel nostro corpo.

FUTURO PROSSIMO 22 aprile 2020

Gianluca Riccio

A nessuno piace vedere i rifiuti di plastica fluttuare nei nostri corsi d’acqua. Minuscole microplastiche quasi invisibili sono una minaccia per l’ambiente acquatico e per la salute umana.

La nanocellulosa è un materiale poroso prodotto dalla lavorazione di minuscole fibre di cellulosa. La cellulosa è a sua volta il composto organico più abbondante sul pianeta. Si trova (tra molti altri luoghi) nelle pareti cellulari delle piante.

Le microplastiche provengono da fonti come rifiuti di plastica che si sono scomposti in pezzi più piccoli. Altre origini? Microsfere utilizzate in prodotti come il dentifricio e persino piccole fibre rilasciate da indumenti sintetici mentre vengono lavate.

Le particelle sono per definizione più piccole di 5 millimetri ciascuna (spesso molto più piccole). Per questo sono difficili da vedere e filtrare dai corsi d’acqua. Finiscono spesso per essere mangiate dai pesci e successivamente vengono trasmesse alle persone che consumano quei pesci.

A seconda di quanto siano tossiche le particelle, esiste il rischio che la loro ingestione possa danneggiare sia i pesci che l’uomo.

La soluzione una pellicola di nanocellulosa e idrogel

I ricercatori finlandesi del Centro di ricerca tecnica VTT hanno sviluppato una soluzione. Consiste nell’uso di pellicole di nanocellulosa e idrogel per rimuovere le microplastiche dall’acqua.

Hanno avuto successo, principalmente grazie alla struttura interna a maglie del materiale.

Quando collocata nell’acqua, questa rete nanoscopica genera forze capillari che attirano le particelle e le trattengono.

Nell’immediato futuro, la tecnologia potrebbe essere utilizzata in molti modi. A partire dal campionare l’acqua in diverse regioni, per determinare concentrazione e tipi di particelle di microplastica presenti.

Rimuovere le microplastiche direttamente dove vengono prodotte.

Una volta sviluppata ulteriormente, poi, potrebbe essere ridimensionata per filtrare in modo economico le microplastiche dall’acqua alla loro fonte.

Le nuove soluzioni di filtrazione consentirebbero di catturare le particelle alla fonte. Direttamente dove vengono generate”. Lo afferma la professoressa Tekla Tammelin, prima autrice dello studio.

Le soluzioni potrebbero essere utilizzate, ad esempio, in lavanderia. Lì le particelle di microplastica vengono rilasciate da indumenti in pile e altre fibre sintetiche. Allo stesso modo, potremmo sviluppare metodi di filtrazione per qualsiasi industria in cui vi sia il rischio che le microplastiche vengano generate e rilasciate nei corsi d’acqua.“

Latest news

Cosa ci attende prossimamente

Il futuro ci riserva molte innovazioni e scoperte legate alla tecnologia e alla medicina ma con conseguenze non sempre piacevoli per la vita sulla terra
- Advertisement -

L’auto a idrogeno: nel serbatoio una pasta al magnesio

Hanno scoperto un tipo di pasta che può stoccare grandi quantità di idrogeno per sviluppare energia nei motori

Tecnologia hyperloop: luci e ombre sul treno a 1000 km/h

Un treno a propulsione elettrica su magneti che corre in un tubo a una velocità di 1000km/h è in progettazione in Canada. Cambierà il modo di viaggiare risparmiando e senza inquinare

L’auto di domani avrà un motore a idrogeno

Le auto alimentate a idrogeno avevano subito un rallentamento grazie agli investimenti sull'auto elettrica ma la pandemia ha cambiato tutto, bisogna puntare sull'idrogeno come fonte energetica principale

Related news

Cosa ci attende prossimamente

Il futuro ci riserva molte innovazioni e scoperte legate alla tecnologia e alla medicina ma con conseguenze non sempre piacevoli per la vita sulla terra

L’auto a idrogeno: nel serbatoio una pasta al magnesio

Hanno scoperto un tipo di pasta che può stoccare grandi quantità di idrogeno per sviluppare energia nei motori

Tecnologia hyperloop: luci e ombre sul treno a 1000 km/h

Un treno a propulsione elettrica su magneti che corre in un tubo a una velocità di 1000km/h è in progettazione in Canada. Cambierà il modo di viaggiare risparmiando e senza inquinare

L’auto di domani avrà un motore a idrogeno

Le auto alimentate a idrogeno avevano subito un rallentamento grazie agli investimenti sull'auto elettrica ma la pandemia ha cambiato tutto, bisogna puntare sull'idrogeno come fonte energetica principale
- Advertisement -

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

http://thetomorrowtimes.info/wp-content/uploads/2020/06/Alysei-Banner.jpg-003-2.png
Translate »