Un caso di economia circolare applicato all’industria

Con i finanziamenti della Banca Europea d’investimenti (BEI) si possono cambiare i processi di produzione delle fabbriche per orientarli verso l’economia circolare, l’economia del futuro. Il caso della Saica di Saragozza che produce imballaggi in cartone ondulato.

Cartone ondulato

La Banca europea per gli investimenti ha finanziato la Saica in nuove tecnologie per migliorare due delle linee di produzione del suo stabilimento di produzione di carta per cartone ondulato a El Burgo de Ebro, Saragozza. 

Saica è un’azienda familiare che da 70 anni si occupa di produrre imballaggi in carta e cartone ondulato. Con oltre 9.000 dipendenti è una delle realtà produttive più importanti in Aragona. È leader per questa attività ed è anche uno dei maggiori produttori del suo settore in paesi come Francia e Regno Unito. Il vicepresidente della BEI Román Escolano e il presidente della Saica Ramón Alejandro hanno sottoscritto un prestito per 70 milioni di euro per aiutare l’azienda a implementare nuovi processi produttivi sostenibili orientati nell’economia circolare. Con questa innovazione la Saica può rendere le proprie linee produttive più efficienti e più sostenibili, impedendo che vengano conferite in discarica sostanze nocive alla salute.

Carta Nature Kraft, nuovo prodotto della Saica di Saragozza

Nuova varietà di carta

In pratica si tratta di produrre una nuova varietà di carta, con proprietà meccaniche e aspetto simili a quella prodotta con pasta vergine (kraftliner). Il finanziamento della BEI consentirà inoltre all’impresa con sede in Aragona di investire in tecnologie e processi innovativi per sviluppare una nuova gamma di libri bianchi per la stampa di alta qualità.

In questo modo, il finanziamento BEI contribuirà a garantire la competitività di Saica riducendo i costi e diversificando sia le sue materie prime che la sua gamma di prodotti. Tramite il Piano di investimenti per l’Europa, l’azienda beneficerà anche di finanziamenti a condizioni favorevoli e potrà abbreviare i tempi di realizzazione del progetto. Il prestito BEI avrà un effetto positivo sulla creazione di posti di lavoro a Saragozza, generando 570 posti di lavoro durante la fase di attuazione nei primi due anni e altri 118 posti permanenti.

Il vicepresidente della Commissione europea per l’occupazione, la crescita, gli investimenti e la competitività (in carica fino al 30 novembre 2019), Jyrki Katainen, ha dichiarato: “ La modernizzazione delle linee di produzione per promuovere la produzione industriale sostenibile richiede investimenti. È qui che il piano di investimenti per l’Europa può svolgere un ruolo chiave. Sono certo che l’accordo di prestito firmato oggi con il sostegno del Fondo europeo per gli investimenti strategici (EFSI) consentirà a Saica, un’azienda familiare, di investire nelle ultime tecnologie, fabbricare i suoi prodotti in modo sostenibile e creare nuovi posti di lavoro “.

Riferimenti:

Lorenzo Squintani

Communication Officer at European Investment Bank

l.squintani@eib.org  +352437982528

Ufficio stampa    press@eib.org   +352 4379 21000

Latest news

Cosa ci attende prossimamente

Il futuro ci riserva molte innovazioni e scoperte legate alla tecnologia e alla medicina ma con conseguenze non sempre piacevoli per la vita sulla terra
- Advertisement -

L’auto a idrogeno: nel serbatoio una pasta al magnesio

Hanno scoperto un tipo di pasta che può stoccare grandi quantità di idrogeno per sviluppare energia nei motori

Tecnologia hyperloop: luci e ombre sul treno a 1000 km/h

Un treno a propulsione elettrica su magneti che corre in un tubo a una velocità di 1000km/h è in progettazione in Canada. Cambierà il modo di viaggiare risparmiando e senza inquinare

L’auto di domani avrà un motore a idrogeno

Le auto alimentate a idrogeno avevano subito un rallentamento grazie agli investimenti sull'auto elettrica ma la pandemia ha cambiato tutto, bisogna puntare sull'idrogeno come fonte energetica principale

Related news

Cosa ci attende prossimamente

Il futuro ci riserva molte innovazioni e scoperte legate alla tecnologia e alla medicina ma con conseguenze non sempre piacevoli per la vita sulla terra

L’auto a idrogeno: nel serbatoio una pasta al magnesio

Hanno scoperto un tipo di pasta che può stoccare grandi quantità di idrogeno per sviluppare energia nei motori

Tecnologia hyperloop: luci e ombre sul treno a 1000 km/h

Un treno a propulsione elettrica su magneti che corre in un tubo a una velocità di 1000km/h è in progettazione in Canada. Cambierà il modo di viaggiare risparmiando e senza inquinare

L’auto di domani avrà un motore a idrogeno

Le auto alimentate a idrogeno avevano subito un rallentamento grazie agli investimenti sull'auto elettrica ma la pandemia ha cambiato tutto, bisogna puntare sull'idrogeno come fonte energetica principale
- Advertisement -

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

http://thetomorrowtimes.info/wp-content/uploads/2020/06/Alysei-Banner.jpg-003-2.png
Translate »