12/Simone Fracassi: Capolavori a Tavola

Macellaio di più generazioni, racconta la sua passione, come si alleva, come si macella, come disossa e come si tratta la carne perché sia un prodotto salutare.

“Capolavori a Tavola”

Gli eventi ai quali partecipo in Italia si basano sulla sinergia tra operatori di settori diversi ma affini. Una presentazione di prodotti del territorio abbinata a una sfilata di moda e a un grande vino mi consente di vendere i miei prodotti oltre che allargare la conoscenza della mia attività in tutta l’area che circonda il luogo in cui si svolge l’evento. Il più importante è “Capolavori a Tavola”, da me ideato una decina di anni fa e che poi si è ampliato moltissimo negli ultimi tempi, diventando un evento di livello nazionale di grande spessore. La manifestazione si svolge da qualche anno nella villa della famiglia di Lorenzo Lori a Corsignano. Inizialmente era un confronto tra sette prosciutti e sette bollicine. Poi si è allargata come manifestazione e adesso consiste in una performance di dimostrazione e degustazione, da parte dei produttori di prosciutti artigianali e altri salumi, di formaggi, di birre artigianali, di agricoltori con produzioni di verdure e anche prodotti al di fuori della sfera della gastronomia, con presenze di imprenditori che arrivano da tutta l’Italia e di sponsor nazionali e internazionali.

La villa ospita un elegante resort con case coloniche riadattate ad albergo, un bellissimo ristorante immerso in un giardino dove dominano la vista sulla campagna casentinese e le statue di famosi scultori tra i quali Botero.  Nel giardino si posizionano gli artigiani che arrivano da tutte le regioni d’Italia e poi l’ultima sera c’è una cena di gala per ospiti paganti, circa 300, con più di dieci chef. Il risultato della raccolta dei biglietti viene poi donato in beneficienza. Ogni anno “Capolavori a Tavola” si impegna a raccogliere fondi a favore di organizzazioni umanitarie. Nell’ultima edizione il contributo dell’evento è stato devoluto alla Fondazione Francesca Rava, NPH Italia Onlus, per le scuole di strada di Haiti, assicurando i bambini di famiglie troppo povere per frequentare le scuole, di poter mangiare ed essere curati.

Tra le tante aziende e le persone che hanno contribuito alla riuscita della manifestazione ci sono l’azienda Ferrari Metodo Classico, l’Abbigliamento Lori, gli Spumanti Coppo Canelli, l’Associazione Italiana Sommelier di Arezzo, la Strada del Vino di Arezzo e molti altri tra produttori e ristoratori.

Riferimenti:

MACELLERIA FRACASSI

Piazza Giuseppe Mazzini,

24/b, 52016 Rassina – Arezzo

+39 0575 591580

Latest news

Cosa ci attende prossimamente

Il futuro ci riserva molte innovazioni e scoperte legate alla tecnologia e alla medicina ma con conseguenze non sempre piacevoli per la vita sulla terra
- Advertisement -

L’auto a idrogeno: nel serbatoio una pasta al magnesio

Hanno scoperto un tipo di pasta che può stoccare grandi quantità di idrogeno per sviluppare energia nei motori

Tecnologia hyperloop: luci e ombre sul treno a 1000 km/h

Un treno a propulsione elettrica su magneti che corre in un tubo a una velocità di 1000km/h è in progettazione in Canada. Cambierà il modo di viaggiare risparmiando e senza inquinare

L’auto di domani avrà un motore a idrogeno

Le auto alimentate a idrogeno avevano subito un rallentamento grazie agli investimenti sull'auto elettrica ma la pandemia ha cambiato tutto, bisogna puntare sull'idrogeno come fonte energetica principale

Related news

Cosa ci attende prossimamente

Il futuro ci riserva molte innovazioni e scoperte legate alla tecnologia e alla medicina ma con conseguenze non sempre piacevoli per la vita sulla terra

L’auto a idrogeno: nel serbatoio una pasta al magnesio

Hanno scoperto un tipo di pasta che può stoccare grandi quantità di idrogeno per sviluppare energia nei motori

Tecnologia hyperloop: luci e ombre sul treno a 1000 km/h

Un treno a propulsione elettrica su magneti che corre in un tubo a una velocità di 1000km/h è in progettazione in Canada. Cambierà il modo di viaggiare risparmiando e senza inquinare

L’auto di domani avrà un motore a idrogeno

Le auto alimentate a idrogeno avevano subito un rallentamento grazie agli investimenti sull'auto elettrica ma la pandemia ha cambiato tutto, bisogna puntare sull'idrogeno come fonte energetica principale
- Advertisement -

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

http://thetomorrowtimes.info/wp-content/uploads/2020/06/Alysei-Banner.jpg-003-2.png
Translate »